Pollock, Mirò, Fontana al Nea ART di Napoli: Mirabili Fantasie

Pollock, Mirò, Fontana al Nea ART di Napoli: Mirabili Fantasie

Dal 19 luglio al 30 settembre al NEA Art Gallery di Napoli una mostra dedicata a tre grandi artisti dell’arte contemporanea: Jackson Pollock, Joan Mirò e Lucio Fontana. Action painting, Surrealismo e Movimento Spazialista si incontrano e si confondono tra di loro in una mostra che ha come scopo quello di mettere in evidenza come questi tre esponenti appartenenti a tre movimenti differenti abbiamo un punto in comune, quello dell’ ’oltre’.

Ognuno di loro infatti concepiva l’arte ed il fare arte come un qualcosa in continuo movimento.

Jackson Pollock con il suo Espressionismo Astratto o Action Painting prendeva in prestito la casualità e l’istintività dei movimenti dagli espressionisti, ma prendeva le distanze da questi soprattutto per ciò che realizzava. Le sue opere infatti sono espressione completa di istintività. Ciò che ne vien fuori è opera di un arte ‘non premeditata’. L’Action Painting punta l’attenzione proprio sul modo di realizzare un’opera, enfatizza l’atto fisico del pittore e della pittura facendola diventare elemento essenziale del quadro.
 

La pittura che cade sulla tela è in parte dipendente all’azione fisica del pittore, in parte libera. Non si tratta di casualità nella casualità ma piuttosto di energia insita nella natura delle cose (Pollock non parla mai di casualità delle sue realizzazioni). Gesti che possono anche ripetersi non realizzeranno mai la stessa opera. Tra i quadri più famosi ricordiamo: Number1 e Number 5, l’opera che nel 2006 stabilì un record: il quadro più costoso della storia (venduto per circa 140 milioni di dollari).

Joan Mirò ed il suo Surrealismo radicale al punto che André Breton, fondatore del movimento, lo definì come ‘il più surrealista di noi tutti’. In effetti la carica evolutiva, la volontà di allontanarsi dal modo convenzionale di far arte e di dipingere viene fuori dalle sue dichiarazioni nelle quali sosteneva che l’arte convenzionale doveva essere ‘assassinata’, ed egli avrebbe fatto di tutto per riuscirci e per giungere a nuove forme d’arte.

Questo suo continuo evolversi per sfuggire incessantemente all’arte ‘convenzionale’ è ben chiaro, soprattutto se si considera che dagli esordi al termine della sua carriera Mirò non è mai rimasto fedele ad un'unica corrente, mai rientrava in un solo movimento: dal Dadaismo al Surrealismo, fino ad arrivare alla scultura. Colori forti e decisi, tratti geometrici ma allo stesso tempo astratti sono il segno distintivo della sua poliedrica personalità.


Se con Pollock si ha un ‘cambiare l’arte divenendo parte integrante di essa’ e con Mirò abbiamo “una ricerca continua di nuovi mezzi, tecniche e forme d’arte che possano sfuggire alla convenzionalità”, per Fontana, che in questo è più vicino a Pollock, i concetti di cambiamento, di avanzamento, sono ben visibili nelle sue opere più famose: ‘Attesa’ e ‘Concetto Spaziale: Attese’.

In queste due opere, molto simili tra loro per tecnica e risultato finale, si nota come lo stacco col ‘consueto’, con l’arte convenzionale sia netto, definitivo. Fontana taglia i contatti col mondo passato, letteralmente: l’artista infatti pratica dei tagli sulla tela, simbolo emblematico della pittura e del mondo artistico, e lo fa in modo netto e preciso mettendo così in evidenza il suo pensiero: l’uomo è già di per sé arte, non solo dunque nel momento in cui si accinge a dipingere una tela. Questo taglio permette così all’uomo di entrare all’interno del quadro ed il quadro all’interno del mondo. Uomo ed opera d’arte sono parte dello spazio e del mondo.

Se siete amanti dell’arte contemporanea non potete assolutamente mancare a questa mostra. Se invece non vi siete mai avvicinati a questa realtà, beh…quale occasione migliore se non questa?

 

INFO UTILI MOSTRA

Titolo Mostra: "Mirabili fantasie"
Autori: Jackson Pollock, Joan Miró, Lucio Fontana
Dove: Nea - via Costantinopoli 53 - piazza Bellini 59 - Napoli
Date: 19 luglio 2012 - 30 settembre 2012
Orari: da lunedì a sabato: 10:30/14.00 - 16.00/19. 00
Chiusura: Nea resterà chiusa dal 13 al 26 agosto 2012.
Ingresso: libero

Lascia un commento