Votare online - Fuori Sede: Voglio Votare 2013

Votare online - Fuori Sede: Voglio Votare 2013

Sono 25mila gli studenti Erasmus attualmente all'estero che hanno sensibilizzato Governo ed Istituzioni riguardo la loro volontà di partecipare alle prossime votazioni. ''Vogliamo votare ma non abbiamo i mezzi per poterlo fare tra costi di viaggio e impegni di lavoro o Università. Il voto è un diritto fondamentale sancito dalla Costituzione e come tale va garantito e non può essere subordinato alla capacità economica dei singoli.'' Tuttavia, dopo un'accesa querelle durata diverse settimane è arrivata oggi secca la smentita sulla possibilità di emanare un provvedimento straordinario per consentire a tutti coloro che sono all'estero di votare. Oltre agli Erasmus ci sono intere schiere di fuori sede sparsi nelle varie città italiane che volenti o nolenti dovranno rientrare alla base qualora volessero esprimere la loro preferenza elettorale.
 
Alcuni di questi hanno creato un gruppo chiamato ''Voglio Votare'' che da oltre una settimana ha iniziato a lanciare in rete una serie di proposte, sollecitazioni, proteste flash mobs. ''Ci siamo incontrati sul web e ci siamo resi conto di essere accomunati dallo stesso sogno: ottenere il diritto di voto anche per tutti quei cittadini che, per ragioni lavorative, universitarie o economiche, sono impossibilitati a tornare nel loro comune di residenza. E così, spontaneamente, è nato questo movimento bello, fresco e vivace: […] anche quando lo Stato si dimentica di noi, noi non dimentichiamo di essere cittadini italiani e, come tali, vogliamo partecipare alla vita democratica del Paese.''
 
Quello che i ragazzi di Voglio Votare intendono fare per le prossime elezioni del 24 e 25 febbraio è offrire la possibilità di votare per via telematica esprimendo online la propria preferenza e dimostrando che la volontà di partecipare al voto è diffusa e che tale diritto va garantito a tutti. L'obiettivo è quello di creare una votazione simbolica, parallela all’appuntamento elettorale vero e proprio, che accoglierà la voglia di partecipazione democratica alla vita politica dei cittadini in mobilità. Alla simbolica votazione online seguirà poi in Flash mob perchè ''la facoltà di scelta elettorale è democratica solo quando è accessibile a tutti, anche a me e a te''. 
 
Fuori sede all'estero o in Italia, le possibilità di tornare a casa per i prossimi 24 e 25 Febbraio saranno comunque supportate da sconti dei biglietti  per le elezioni messi a disposizione dalle maggiori compagnie di trasporti. Del resto l'occasione è come sempre ghiotta per aumentare le entrate nel privato e allora ''venghino signori venghino, tutti al voto ma prima paga il biglietto, scontato si ma sempre caro!''.
 
Qui tutte le info per partecipare alla votazione simbolica fuori sede
cit. Iovotofuorisede: «Vivere fuori sede è una scelta, votare fuori sede è un diritto».
 

Lascia un commento