Zapatos Rojos a Milano, scarpe rosse contro la violenza sulle donne

Zapatos Rojos a Milano, scarpe rosse contro la violenza sulle donne

In una città come Milano è davvero difficile annoiarsi, lo è ancor più se si sa dove e quando la vita metropolitana è più in fermento, come ad esempio domani pomeriggio, domenica 18 novembre, in zona Colonne dove si svolgerà un progetto d'arte collettiva ad opera dall'artista messicana Elina Chauvet. L'artista, da sempre molto attenta alle problematiche sociali, proporrà un'installazione partecipativa al fine di sensibilizzare il pubblico su una tematica molto importante: la violenza sulle donne e le morti femminili in tutto il mondo.

Secondo il Fondo ONU per lo sviluppo delle donne (UNIFEM) ''la violenza sulle donne nel mondo è probabilmente la forma più pervasiva di violazione dei diritti umani conosciuta oggi: devasta vite, disgrega comunità e ostacola lo sviluppo, si tratta di un problema di proporzioni pandemiche''. Le azioni di sensibilizzazione ed iniziative sul tema sono numerose, grande è l'adesione ma non ancora sufficiente a ridurre drasticamente il numero di vite spezzate ogni anno a livello mondiale. Il prossimo 25 Novembre sarà proprio la giornata mondiale dedicata alla violenza sulle donne.

Domani pomeriggio un mantello di scarpe rosse invaderà le Colonne, queste rappresentano le donne vittime di maltrattamenti e soprusi in tutto il mondo. Si tratta di un'iniziativa chiamata Zapatos Rojos che noi di StanzaZoo ci impegniamo a promuovere e supportare. Consigliamo a tutti i fuori sede di Milano di aderire portando un vecchio paio di scarpe rosse e posizionandole all'interno della installazione.

Oltre a Elina Chauvet saranno presenti ed impegnate in performance artistiche live anche Marta Lodola e Chiara Mu, unite in un tentativo di sensibilizzazione a 360°. Questa giornata fa parte di un'iniziativa comunale intitolata 'Con i tuoi occhi', curato e organizzato da Francesca Guerisoli con la collaborazione di CHAN, la Contemporary Art Association di Milano.

Buona installazione!

Lascia un commento