Cos'è la cedolare secca?|Affitti Torino

Cos'è la cedolare secca?|Affitti Torino

Fuori sede, che sei seduto di fronte al tuo futuro padrone di casa e sei convinto di dover solo contribuire con una firma sul foglio del contratto d’affitto …preparati: e poi ci sarebbe la cedolare secca. Mentre ti stai chiedendo se sia una cosa che si mangia oppure una nuova invenzione dell’inferno burocratico, arriva la formula tentatrice del “abbassa pure la guardia, che ci abbiamo già pensato noi”.

La temibile cedolare secca è comparsa nella vita dei fuori sede da qualche anno, svegliandoli di soprassalto dal loro sonno di beato disinteresse. Ma che cos’è? È un’imposta che accorpa e sostituisce altre tasse, come ad esempio l’Irpef. Dei dettagli tecnici e di come sia possibile usare la cedolare secca per ridurre l'affitto si è già discusso molto bene in precedenza qui su StanzaZoo.

C’è da dire che si è registrato un generale fallimento dell’iniziativa: avviata specialmente per combattere gli affitti in nero, la cedolare non rappresenta una valida alternativa per i proprietari, i quali continuano a preferire l’esser non in regola e quindi non pagare in assoluto, piuttosto che rientrare nella norma pagando una somma calmierata. Di questo fenomeno in discesa già nel 2012 è una testimonianza l’articolo in cui raccontavamo come la cedolare secca non stesse funzioando giá a fine 2012. E difatti facendo una ricerca emerge che anche il 2013 è all’insegna del flop, e per gli affitti a Torino in particolare ne parla il giornale La Stampa.

Lasciando da parte la generale tendenza ad evitare la cedolare come forma contrattuale, è sempre possibile trovarsi nella situazione di doverla accettare o meno. Il fuori sede medio non si deve assolutamente preoccupare: se esiste qualche dubbio sulla convenienza di questa procedura per i padroni di casa, per gli affittuari è presto detto!

Infatti la cedolare secca ha il grande vantaggio di non far aumentare il canone dell’affitto, ma di farlo rimanere stabile a discapito delle variazioni dell’Istat. Inoltre, l’inquilino non dovrà più versare l’imposta di registro sul contratto, che normalmente si divideva a metà tra il proprietario e l’inquilino. Dunque meno spese a lungo termine: questi sono i sinonimi di cedolare secca. Tutto ciò che vi è richiesto è ricevere la raccomandata e firmarla. Per il resto, state tranquilli: non morde, non sporca e vuole solo dare una mano al vostro portafogli!

Lascia un commento