Pub Surfing a Napoli: il social tour dei locali per Erasmus e Fuori sede

Pub Surfing a Napoli: il social tour dei locali per Erasmus e Fuori sede

Dopo Londra, New York, Malibu, Milano, Genova, Madrid e tantissime altre città del mondo, finalmente il Pub Surfing, il più social degli eventi, sbarca a Napoli! Si tratta di un'occasione di incontro ed esplorazione urbana che permette di entrare in contatto con la vita notturna di una città attraverso un tour serale che accompagna i partecipanti nei locali più caratteristici ed in voga della città.

Il tutto ha inizio con un appuntamento di gruppo in una piazza, generalmente il numero di partecipanti si aggira tra i 18-20 fino a un massimo di 40, si tratta di fuori sede, ragazzi in Erasmus appassionati di clubbing, interessati a scoprire qualcosa in più della città che li ospita ed allo stesso tempo a trascorrere una serata con gente nuova. Abbiamo incontrato Giovanni Russo, uno degli ideatori ed organizzatori del Pub Surfing Naples per capire meglio come è nata l'idea e cosa aspttarci da questa esperienza

L’idea del pub surfing nasce principalmente da una serie di iniziative partite dal Regno Unito che da sempre è attivissimo nel proporre nuovi trend e diffondere input provenienti dagli States. Come siete venuti a contatto con il pub surfing?  Personalmente sono stato per motivi lavorativi in Andalusia e a Londra, per cui i primi approcci con questa fantastica attività sono avvenuti lì. Ho provato però anche il pub surfing a Milano e a Genova. Da qui è partita dunque la mia voglia di portarlo anche nella mia città natale. Sono davvero soddisfatto del fatto che sia stata accolta in maniera positivissima.

Come sai StanzaZoo è il sito dedicato agli studenti fuori sede, tra questi moltissimi sono in Erasmus. Chi partecipa maggiormente ai pub surfing? Come hanno risposto i napoletani a questa novità?  Ci sono moltissimi ragazzi stranieri che sono in Erasmus, non a caso noi abbiamo uno stretto rapporto con l’associazione Erasmusland, ma il maggior numero di persone è rappresentata da studenti fuori sede e napoletani. Questi ultimi sono stati davvero entusiasti di parteciparvi.

Da intenditori di clubbing, serate e vita notturna napoletana, se dovessi consigliare un locale ad un fuori sede appena trasferitosi, quale consiglieresti? Sicuramente tra i miei preferiti c’è il Boudoir in via de Sanctis ma se dovessi consigliarne uno che abbia un costo accessibile a tutti, una grande proposta di eventi, serate ed ottimi dj set, allora propongo il Delirius in via V.S.Chiara.

I tre motivi per cui ci si diverte a partecipare ad un club surfing sono... La possibilità per una sera di non parlare esclusivamente nel proprio dialetto o in italiano, ma conoscere persone provenienti da tutto il mondo, quindi scoprire usi, culture e lingue sempre nuove. E’ un divertimento low cost ed è comunque all’insegna della responsabilità (evitiamo che le persone possano eccedere con l’alcool). L’imprevedibilità: non sai mai cosa accadrà, chi incontrerai e quali lingue sentirai e parlerai quella sera...

Il costo per ogni serata è di 15€ comprendenti il giro di alcuni locali, un 'cicchetto' gratuito in ognuno di questi e sconti sugli altri drink. Per essere sempre aggiornati sulle date dei vari pub surfing, potete consultare la pagina Facebook pub surfing Napoli dedicata all'iniziativa!

Lascia un commento