Scegliere un Master: ma ne vale davvero la pena?

Scegliere un Master: ma ne vale davvero la pena?

Laurea triennale o laurea specialistica conclusa, coroncina in allora indossata per le foto di rito, party di laurea organizzati e ben riusciti, ritiro regali e pensierini da partenti da amici, parenti e cognoscenti fatto. Ed ora?

Questa domanda può essere disarmante ma in effetti è proprio così, terminare gli studi non è che l’inizio di una fase ancora più impegnativa e carica di tensioni, specie in questo periodo storico. Buttarsi nel mondo lavorativo oppure pensare ad un ulteriore periodo di studi con un master?

Chiaramente non esiste una risposta univoca, l’unico modo per capire se è il caso o meno di iniziare un master è guardare innanzitutto ai numeri, in modo molto spicciolo, questi infatti non mentono mai e non sono influenzati da emozioni, aspettative, tendenze del periodo. Ed è per questo infatti che la bontà di un investimento, perchè è  esattamente di un investimento di tempo e  denaro che stiamo parlando, va valutata dal suo potenziale ritorno economico.

Chiunque stia meditando di iscrivervisi dovrebbe quindi porsi due domande fondamentali:
1) quanto guadagnerei nei 12 mesi dedicati al corso di specializzazione, se anziché frequentarlo avessi deciso di cercare lavoro?
2) di quanto si alzerebbe mediamente il mio salario grazie alle migliori prospettive occupazionali ed al nuovo ulterior titolo conseguito?

In poche parole dovremo riflettere sul ROI, return on investment sul costo totale del master in questione tenendo in considerazione il guadagno lavorativo mancato ed il salario di base a cui potremmo aspirare successivamente al Master.

Da tenere in considerazione aspetti esperenziali di colleghi che hanno già seguito un perocorso simile. Sarà interessante a tal porposito tenere in considerazione i dati Almalaurea secondo i quali solo uno studente su tre reputa l’aver frequentato un master come determinante per il proprio percorso di carriera.

Tra gli aspetti positivi del Master, al di là dell’aspetto meramente economico (costi/benefici) c’è sicuramente un vantaggio fondamentale su tutti dato dalla possibilità di rimarcare e re-indirizzare con decisione il proprio percorso di carriera.

In questo senso il Master sarà sicuramente molto utile per chi si è laureato in discipline che non offrono grandi sbocchi occupazionali, iscrivendosi  ad un master in un settore affine ma più appetibile per il mercato potrà modificare il curriculum dandogli una finitura più ‘career oriented’. Altro aspetto positivo e’ che i master sono certamente utili per ottenere tirocinii in azienda, spesso addirittura garantiti dall’ente organizzatore.

Lascia un commento